Autore

Condividi

Tuoro sul Trasimeno e l’epica battaglia

Paese dal caratteristico aspetto di borgo medioevale, venne fondato su di un colle intorno al XIV secolo. Le sue origini però, risalgono ad epoca etrusca e poi romana.

L’attuale toponimo sembra derivare da un particolare tipo di pesca praticata un tempo sul Trasimeno:la pesca dei tuori. Nel medioevo, Tuoro seguì le sorti degli altri centri umbri di confine, subendo razzie e invasioni barbariche e spesso coinvolto nelle lotte tra i potenti comuni circostanti. In seguito, fu ammesso allo Stato Pontificio, che vi istituì un posto di dogana in una località ai confini con la Toscana lungo la strada che congiunge Perugia a Cortona.

La città di Tuoro sul Trasimeno è passata alla storia come teatro di una delle più sanguinose battaglie dell’antichità: la Battaglia del Trasimeno, una delle più importanti della Seconda Guerra Punica, avvenuta all'alba del 21 giugno 217 a.C., che vide la sconfitta dell’esercito romano guidato dal console Caio Flaminio a opera dei Cartaginesi di Annibale.

Il meraviglioso territorio del lago oggi è un museo a cielo aperto. E’ possibile visitare il percorso annibalico realizzato seguendo l’impostazione tracciata dagli studi di Giancarlo Susini attraverso i campi che furono teatro dell’epico scontro tra i romani e cartaginesi. Attualmente sono presenti dodici aree di sosta in cui vengono approfonditi vari temi legati alla battaglia ed alla storia dei luoghi. Lungo il percorso vi sono delle stazioni di sosta con pannelli esplicativi e indicazioni storico – ambientali.

Di particolare interesse, Palazzo del Capra che la tradizione vuole sia stato costruito sopra il mausoleo dedicato al console Caio Flaminio, caduto nella battaglia del Trasimeno. Sempre secondo la tradizione le torri sarebbero state costruite sui resti di un “ustrinum” e di un tempietto romano. Il Palazzo è sede del Nuovo Centro di Documentazione sulla Battaglia del Trasimeno.

Mappa

Risorse nelle vicinanze...loading